otturazione denti
Salute e Benessere

Otturazione denti in composito: cos’è, come si fa, a cosa serve

Dall’argento alla porcellana, oggi sono disponibili numerosi tipi di otturazioni negli studi dentistici. Di questi, le otturazioni in composito rimangono una delle opzioni più popolari. Ma cos’è esattamente un’otturazione in composito?

Che cos’è un’otturazione in composito?

Quando si sviluppa una cavità all’interno del dente, il dentista rimuoverà la carie e utilizzerà un’otturazione per coprire o “riempire” l’area in cui si trovava il materiale cariato. Pur trattandosi di un’eventualità molto comune, alcune persone potrebbero non sapere molto sulle opzioni disponibili e dello specifico settore: qui maggiori info sull’endodonzia.

Le otturazioni in composito sono composte da una miscela di plastica atossica e polvere di vetro, che viene utilizzata per riparare un dente affetto da carie, crepe, fratture, ecc. Vengono realizzate dello stesso colore dei denti, per favorire una perfetta corrispondenza con il colore naturale.

Quando vengono utilizzate?

Le otturazioni in composito sono efficaci per riparare i denti scheggiati o screpolati perché si fondono con il dente, dando un aspetto naturale al sorriso.

Le aree dei denti che sostengono un uso intenso, come le superfici masticatorie dei molari, in genere non sono buone candidate per un’otturazione in composito.

Le otturazioni in composito si consumano prima delle otturazioni in amalgama (durano una media di cinque anni rispetto ai 10-15 anni delle otturazioni in amalgama); inoltre, potrebbero non durare quanto le controparti sotto la pressione della masticazione e soprattutto se utilizzate per cavità di grandi dimensioni.

La modalità di posizionamento di un’otturazione in composito dipende dal singolo caso. Ad esempio, se il dente è in cattive condizioni, potrebbe essere necessario posizionare un’intera otturazione. Tuttavia, in molti casi, uno strato di composito risolve gran parte dei problemi. Il tuo dentista modellerà la pasta in composito per adattarlo al tuo dente, ripristinandone la forma e la funzione originali.

Questa procedura viene eseguita in una sola seduta e di solito è rapida e indolore. Per le persone che temono i dentisti, le otturazioni in composito richiedono un lavoro minimo e sono finite in un lampo.

I vantaggi del composito

  • Le otturazioni in composito si fondono perfettamente con i tuoi denti naturali, rendendoli praticamente invisibili.
  • Il materiale ha una discreta elasticità, il che gli permette di adattarsi su qualsiasi dente senza la necessità di perforare il dente naturale.
  • Il materiale in resina nelle otturazioni in composito si lega saldamento al tuo dente.
  • Sono durevoli e possono resistere a pressioni e utilizzi moderati.
  • Sono particolarmente indicati per piccole otturazioni e riparazioni.
  • Il composito può essere utilizzato anche per gestire altre alterazioni estetiche, come cambiare il colore o la forma dei denti.

Le otturazioni in composito forniscono una buona durata e resistenza alla frattura nelle otturazioni di piccole e medie dimensioni che devono resistere a pressioni moderate dovute allo stress costante della masticazione. Possono essere utilizzate sia sui denti anteriori che su quelli posteriori. Sono una buona scelta per le persone che preferiscono soluzioni dalla resa estetica più naturale.

In definitiva, la migliore otturazione dentale è la prevenzione. Puoi ridurre drasticamente il rischio di carie e altre malattie dentali semplicemente lavandoti i denti due volte al giorno con un dentifricio al fluoro, utilizzando quotidianamente il filo interdentale, seguendo una dieta equilibrata e visitando regolarmente il dentista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *