smart glasses occhiali intelligenti
Elettronica e accessori

Smart glasses: gli occhiali intelligenti

Per secoli, lo scopo principale degli occhiali è stato quello di migliorare la nostra percezione del mondo e offrirci una vista di 10 decimi. Ma, alle soglie del 2020, i produttori di occhiali e i pionieri di Internet hanno iniziato ad unire le forze per rendere più intelligenti anche i nostri occhiali.

Proprio come non possiamo più immaginare di vivere senza un laptop o un telefono cellulare, presto potremmo godere della stessa versatilità e connettività dei nostri occhiali e persino delle nostre lenti a contatto. Può sembrare fantascienza, ma tutto questo sarà possibile semplicemente tenendo gli occhi aperti!

Smart glasses: cosa sono?

In poche parole, gli smart glasses sono un tentativo di integrare la connettività wireless e le immagini di cui godiamo sui nostri computer di casa e cellulari nelle montature e nelle lenti dei nostri occhiali.

Google è stata la prima a lanciare questa nuova visione degli occhiali nel 2013 con l’introduzione di Google Glass Explorer, sperando di sfruttare la popolarità degli orologi intelligenti e di altri dispositivi wireless indossabili.

Sfortunatamente, l’Explorer si è rivelato troppo geniale, scomodo e costoso ($ 1.500) per la maggior parte dei consumatori, spingendo Google a ritirarlo dal mercato dopo 18 mesi. I Google Glass, tuttavia, si sono rivelati un degno archetipo degli occhiali intelligenti che altri marchi tecnologici avrebbero presto perfezionato.

Come funzionano gli occhiali intelligenti?

Gli smart glasses possono essere controllati in vari modi. Invece della tastiera e del mouse a cui siamo tutti abituati, possiamo controllare gli occhiali intelligenti con piccoli tocchi o facendo scorrere le dita sui controlli integrati nel telaio, verbalizzando le nostre richieste come facciamo ad Alexa e Siri.

Altre opzioni disponibili per i produttori di occhiali intelligenti includono il riconoscimento dei gesti dei movimenti della testa, degli occhi e delle mani come annuire o guardare in alto o in basso e il controllo tramite eye tracking.

L’altoparlante per gli ingressi audio wireless e la ricezione del cellulare si trova all’estremità degli auricolari, mentre l’unità di elaborazione centrale (CPU) è posizionata su una delle stecche. La maggior parte degli occhiali intelligenti oggi accoppia il microfono con un micro altoparlante per feedback audio e notifiche, nonché per ascoltare musica e podcast.

La sovrapposizione di informazioni su un campo visivo si ottiene attraverso un display ottico montato sulla testa (OHMD – Optical Heads-up Mounted Display) o occhiali wireless incorporati con display heads-up trasparente (HUD – Heads Up Display) o sovrapposizione di Realtà Aumentata (AR). La sovrapposizione digitale di testo e immagini all’interno del nostro campo visivo è l’esperienza chiave offerta dagli occhiali intelligenti.

A cosa servono gli smart glasses?

In generale, gli occhiali intelligenti mirano a fornire servizi di monitoraggio della vita quotidiana, oltre ad essere dispositivi per scattare foto e video clip più autentici. Possono anche essere dotati di tecnologia di realtà aumentata, pensata per integrarsi con le attività domestiche e lavorative.

Ad esempio, immagina quanto sarebbe più facile la vita se stessi cercando una e le indicazioni stradali apparissero direttamente nel tuo campo visivo! Questa è la premessa degli occhiali intelligenti.

Ma gli sviluppatori hanno trascurato l’ovvio ruolo visivo di tutti gli occhiali: vedere meglio.

Diversi modelli hanno incorporato la tecnologia a cristalli liquidi per consentire agli utenti di filtrare il livello di luminosità proveniente dalle loro lenti intelligenti. Il controllo della quantità di luce ambientale nel loro ambiente naturale aiuta anche gli utenti a ottimizzare le sovrapposizioni visive dei loro occhiali intelligenti.

Filtrare la luminosità è un passo avanti tecnologico rispetto alle lenti fotocromatiche o di transizione e potrebbe rendere superflui gli occhiali da sole.

La tecnologia è nelle sue fasi embrionali e deve ancora decollare a livello commerciale, ma ci sono modelli innovativi che promettono di rivoluzionare il modo in cui siamo connessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *